VERIFICA LA TUA PERCEZIONE DEL RISCHIO SISMICO

UTILE E INTERESSANTE

 


LA TUA CASA SUPREMA ® è progettata per garantire IL PIU' ALTO LIVELLO DI SICUREZZA RISPETTO AI TERREMOTI. Gli edifici di nuova costruzione per essere antisismici devono possedere i requisiti di sicurezza capaci di evitare crolli, perdite di equilibrio e dissesti gravi, totali o parziali. La struttura deve essere progettata in modo tale che il degrado nel corso della sua vita non pregiudichi le sue prestazioni in termini di resistenza, stabilità e funzionalità. La soluzione definitiva del problema dei terremoti consisterebbe nell'impedire il loro verificarsi ma ciò è sicuramente un obiettivo irraggiungibile. E' importante evidenziare che a seguito di un terremoto i danni e le vittime sono causate dal crollo degli edifici.

CHE COS'E' IL TERREMOTO ?

terremoti sono vibrazioni o oscillazioni improvvise, rapide e più o meno potenti, della crosta terrestre, provocate dallo spostamento improvviso di una massa rocciosa nel sottosuolo. Tale spostamento è generato dalle forze di natura tettonica che agiscono costantemente all'interno della crosta terrestre provocando la liberazione di energia in una zona interna della Terra detto ipocentro, tipicamente localizzato al di sopra di fratture preesistenti della crosta dette faglie; a partire dalla frattura creatasi una serie di onde elastiche, dette "onde sismiche", si propagano in tutte le direzioni dall'ipocentro, dando vita al fenomeno osservato in superficie; il luogo della superficie terrestre posto sulla verticale dell'ipocentro si chiama epicentro ed è generalmente quello più interessato dal fenomeno. Il movimento improvviso (che in pochi secondi rilascia energia accumulata per decine o centinaia di anni) genera così le onde sismiche e il terremoto associato.

Tutti i nuovi manufatti devono essere progettati per resistere al massimo terremoto prevedibile (entro un intervallo di tempo ragionevole) in quella zona, tenendo conto anche delle possibili amplificazioni dovute a fattori locali. Il dato che determina la forza di un terremoto è l'accelerazione al suolo, questa non dipende solo dalla magnitudo ma anche da altri fattori, tra cui anche il tipo di terreno e altre cose, quindi lo stesso terremoto può avere effetti diversi anche in zone distanti pochi chilometri. E' importante evidenziare che un terremoto con la stessa accelerazione al suolo non da gli stessi effetti su diversi tipi di edifici.

La resistenza non è un parametro utile a capire se ci sia la giusta sicurezza in un edificio durante un terremoto, perché la capacità di non danneggiarsi durante piccoli e frequenti terremoti è un problema di rigidezza, cioè di scarsa deformazione, mentre per non collassare totalmente (la casa dovrà essere ricostruita ma non ci sono state perdite umane) durante terremoti di quell'entità è un problema di duttilità, cioè di riuscire a deformarsi dissipando molta energia, questo dipende non dalle resistenze dei singoli pezzi ma di come queste resistenze sono distribuite, di come sono realizzati i dettagli costruttivi, e dalla forma dell'edificio (ad esempio se un piano è meno rigido degli altri).

E' importante evidenziare che più il materiale è pesante e maggiore forza viene scaricata all'edificio, quindi UNA CASA LEGGERA SOPPORTA MEGLIO LE SOLLECITAZIONI DURANTE IL TERREMOTO in quanto l’entità delle forze inerziali generate dal sisma sulla struttura vengono maggiormente dissipate. 

 

 

LA TUA CASA ANTISISMICA

PROGETTIAMO INSIEME LA TUA CASA

 

 

Suggeriamo di leggere uno stralcio dell'interessante libro scritto da Enzo Boschi e Franco Bordieri  dal titolo TERREMOTI D'ITALIA il rischio sismico, l'allarme degli scienziati, l'indifferenza dei politici(1998 Baldini & Castoldi)

 

Il rischio sismico riguarda il 45% del territorio italiano. Era cosi già prima della comparsa dell’uomo sulla penisola. In queste zone oggi vivono 23 milioni di persone e il 65% delle case in cui abitano può crollare per una scossa anche non tanto forte. Solo nell’ultimo mezzo se colo sono stati spesi altre 100.000 miliardi per ricostruire ciò che i terremoti hanno distrutto.  

CONTINUA >>